[07] Date viaggio: 20 apr 2019 - 25 apr 2019

Val Grande

La Valle Nascosta

I Monti sono maestri muti e fanno discepoli silenziosi.
Johann Wolfgang von Goethe

Nella più grande area selvaggia montana d’Europa, percorriamo una traccia della bassa Valgrande, la più suggestiva fino in Val Pogallo. Un posto fuori dal nostro mondo: una serie infinita di valloni impervi e rocciosi.
Nel XIX secolo in Valgrande vivevano più di 2000 persone, impegnate negli alpeggi e nei cantieri per il taglio legna, oggi non abita più nessuno. Unica eccezione il paesino di Cicogna, estremamente isolato alla confluenza delle due valli principali. Un tuffo non solo nella natura, ma anche nella storia dell’umile vita di montagna.

Sa 20: Verso la Val Grande
1 h - 2 Km - [+150/-100]
partiamo per la Val Grande, per ora in auto, fino a Ompio. Si lasciano le auto e si raggunge il Rifugio Alpini in 15 min. Dopo la sistemazione, breve escursione panoramica.
Il rifugetto si trova sullo spartiacque, in una posizione particolare dove appare il mondo selvaggio di Val Grande: da una parte, a sud, si ha un panorama bucolico con vista sul Lago Maggiore con le sue spiaggie, i battelli e le barchette. Non mancano poi sulle pendici delle colline amene, frazioni con villette e giardini, il tutto è condito da un brulicare di strade e stradine, auto e pedoni a passegio e luci accese della sera. Dall'altra parte invece, verso nord, vi è una visione più selvaggia: monti e scarpate a ripetizione, boschi cupi e fitti, non una casa ne una strada, non una persona e di notte tutto assolutamente buio.

Do 21: Velina - Cicogna
8 h - 15 Km - [-700/+300]
partenza di buona ora e discesa a perpendicolo  fino a raggiungere il rio principale di Val Grande, quindi si raggiunge il mitico ponte in pietra di Velina. Ci attende un percorso senza sentiero e ripido per un primo tratto, in seguito troviamo la traccia e arriviamo a Velina. Qui pranziamo e incontriamo un abitante della valle che ci ospita e ci fa conoscere la storia di questi posti. Nel pomeriggio iniziamo un percorso fatto di saliscendi, guadi e torrenti impetuosi, per poi giungere a Cicogna.

Lu 22: Pogallo
5 h  -11km -[+ 550/- 50]
Iniziamo bene infatti percorriamo un bellissimo sentiero costruito con gradini e muretti, in generale si tratta di percorso quasi  sempre in piano con solo alcune gradinate. Molto suggetiva la visione della valle Valpogallo e del torrente. In un paio di ore arriviamo a Pogallo, centro oramai abitato solo per vacanza ma un tempo era una popolosa frazione con molte attività. Nel pomeriggio prendiamo il sentiero per una valle sconosciuta e solitaria e dopo un percorso a tratti facile ma tra guadi, alpeggi diroccati e prati di ortiche, cespugli spinosi, arrivaiamo alla baita-bivacco di Pian di Boit, dove ci prepariamo da mangiare.

Ma 23: Monte Pizzo Marona - Pian Cavallone
5 h  - 9 Km - [+700/-400]
Partiamo di buon ora e percorrismo una salita erta verso il Pizzo Marona. Nell’ultimo tratto è possibile che ci sia neve in quanto si è sul versante nord e si arriva a 1800 metri. Il dislivello non è poi molto ( 700 metri ) ma date le difficoltà si debbono prevedere sulle 3 ore. Arriviamo sulla vetta del Monte Pizzo Marona sul quale sorge un rifugio, dove facciamo una bella pausa ammirando il paesaggio che appare davanti a noi. Nel pomeriggio il sentiero diventa più semplice, fatto da una bella discesa, su terreno aperto fino al Rifugio Pian Cavallone.

Me 24: la grandezza della natura
4 h - 6 Km - [+/- 350]
Siamo finalmente riemersi dal mondo selvaggio di Val Grande e per un attimo siamo risaliti su un crinale da cui si scorge nuovamente il Lago Maggiore con le sue barchette e tutto il resto ... ma è ancora una visione lontana! Per riprenderci dalle fatiche passate i giorni scorsi facciamo un giro ad anello su sentieri un poco più facili e meno scoscesi, questo serve soprattutto per riflettere sulla piccola nostra esistenza in confronto all'enormità della natura e a capire che noi non siamo che una parte, un soffio di un attimo, nello scorrere della natura stessa.

Gi 25: Cicogna
3,5 h - 5,5 Km - [-750/+150]
Oggi rientriamo nella selvaggia Valgrande e con una discesa vertiginosa ci tuffiamo nella vallata immensa: tutto il mondo artificiale è nuovamente scomparso ed arriviamo fino ad incontrare il torrente impetuoso. Lo passiamo su una passerella-ponticello per risalire poi a Cicogna , questo è il nome dell'unica piccola borgata abitata del Parco, c'è qualche luce e qualche auto ma si ha ancora la sensazione di essere persi in un mondo dimenticato Scendiamo per il sentiero fino a Cicogna. Lungo questo itinerario si incontra una baita-bivacco dove si potrà fare un buon pranzo.

Inizio viaggio:

Sabato 20 aprile, ritrovo alla stazione ferroviaria di Verbania ore 14.


Fine viaggio:

giovedì 25 alle 14 alla stazione di Verbania.


Cammino:

su sentieri di montagna, non sempre segnati.


Notti:

rifugi e ostelli ma una notte in bivacco non gestito.


Pasti:

pranzi al sacco, cene in rifugio, una autogestita.


Sapori tipici:

polenta, spezzatino, formaggi toma e tomini, ricotta, latte e yogurt, minestre di verdura.


Difficoltà:

4- su 4. Si tratta di un viaggio itinerante con dislivelli notevoli.


Note:

Il percorso e gli alloggi possono subire modifiche, in base alle condizioni atmosferiche o alle necessità del momento.

Quota € 210 da versare all'associazione (per segreteria, organizzazione, guida).

Spese previste € 270. Da portare con sé per mangiare, dormire. Sono calcolate accuratamente, tuttavia suscettibili di piccole variazioni in più o meno legate a variazione prezzi ed al comportamento del gruppo.

 

Info prenotazione

Nonostante la bellezza del viaggio non sei ancora convinto? Ti servono ulteriori info per prenotare? Nessun problema!
Invia la tua richiesta attraverso questo modulo.


Nome *

Cognome *

Email *

Note

I dati forniti saranno utilizzati esclusivamente per l'uso richiesto dall'utente, e secondo le leggi in vigore, non saranno ceduti a terzi. Premendo "Autorizzo", l'utente garantisce la veridicità dei dati forniti e presta il proprio consenso all'uso dei dati sopra raccolti come indicato. Dichiara inoltre di aver preso visione delle informazioni che seguono:i responsabili del sito dichiarano che, in conformità con l'art. 13 Legge 196/2003, i dati vengono raccolti al fine di fornire le informazioni richieste; l'utente gode dei diritti di cui all'art. 13 Legge 196/2003

Autorizzo

Codice di controllo captcha

Info prenotazione