[38] Date viaggio: 19 ago 2017 - 26 ago 2017

  • Senza zaino
  • Base fissa

Tra Mare e Monti III

A spasso nel Cilento

"Due voci possenti ha il mondo: la voce del mare e la voce della montagna"
William Wordsworth

 

Spiagge e scogliere poco frequentate, quasi sconosciute. Tranquillità sotto le stelle e silenzio tra i canti degli uccelli. Anche a Ferragosto. Anche sulla Costiera di Camerota.
Lontano dai luoghi turistici siamo ospitati nella piccola azienda agricola biologica a Iazzo Castaneto, 440m al di sopra di Capo Palinuro e Marina di Camerota. Camminaniamo nei luoghi più belli della costa del Parco Scendiamo a piedi al mare per risalire la sera in quota, lasciandoci alle spalle caos e moltitudini. Ci godiamo il mare come mai ce lo saremmo aspettato e, intanto gustiamo le marmellate dell'azienda, ci facciamo la pizza e altri piatti con il forno a legna, prepariamo i lagani e i cavatelli con la farina integrale "carusella" coltivata in azienda, impariamo da Raffaele e Maria le ricette della dieta mediterranea e raccogliamo e mangiamo frutta di stagione. E' possibile fare osservazione di animali servatici e uccelli notturni e diurni.

Sa 19: Castaneto - Camerota alta
Trasferimento in bus all'Oasi Castaneto. Visita dell’azienda,  presentazione del programma e dello staff.

Do 20: La spiaggia di Porticello
Questa spiaggia veniva usata dal marchese di Camerota per caricare sulle barche per Napoli le merci prodotte nei suoi terreni. Attraversando campi coltivati, macchia mediterranea e un grande uliveto, si raggiunge l’altopiano di Vistieli, con esemplari millenari di ulivi, frutteti e ficodindieti. Scediamo verso la spiaggia visitando un vecchio frantoio. Dopo il bagno, nel pomeriggio, arriviamo a Marina di Camerota attraverso il bellissimo sentiero delle 4 spiagge.

Lu 21: La pineta di San Cono e la spiaggia del Mingardo.
Raggiunto a piedi il monte Serra, 600m di dislivello sul mare, scendiamo lentamente alla spiaggia del Mingardo visitando la vecchia azienda di zio Pepparello e il cenobio di San Cono con interessanti resti medioevali e un bellissimo gruppo di ulivi millenari. Raggiunta la spiaggia e fatto il bagno, nel pomeriggio visitiamo paese di Camerota, importante centro medioevale, famoso per la lavorazione dei vasi di argilla.

Ma 22: La torre della Fenosa e la spiaggia dei Tre Tre
Raggiunto il punto panoramico di monte Sant’Antonio, attraverso l’antico sentiero di San Cono, scendiamo verso la spiaggia dei Tre Tre attraversando la pineta nella zona Loggetta e passando nei pressi della torre Fenosa, l’unica perfettamente conservata. Nel pomeriggio visitiamo il museo del paleolitico e dell’argilla dell’Associazione Posidonia e il museo della civiltà contadina.

Me 23: Costa degli Infreschi e le grotte preistoriche
Raggiunto con il pulmino il paese di Camerota Marina, visitiamo alcune grotte preistoriche, imbocchiamo dopo il sentiero per Infreschi raggiungendo il punto panoramico di Monte di Luna. Dopo aver visitato la spiaggia del Pozzallo, raggiungiamo la spiaggia di Cala Bianca dove facciamo il bagno. Nel pomeriggio proseguiamo per la spiaggia e la baia di Infreschi, dove prendiamo la barca e torniamo a Marina di Camerota con visita della costa.

Gi 24: Monte Serra, gli stazzi, gli uliveti millenari e il Cenobio del paese di Licusati
Raggiungiamo il monte Serra e vediamo il frutteto e il vigneto storico dell’Oasi Castaneto. Raggiunto il crocevia delle Tre Aie imbocchiamo il sentiero medioevale che porta a Licusati, entrando per la via occidentale chiamata Soprana. Attraversato il paese, si raggiunge l’antico cenobio di San Pietro e passando vicino a esemplari di ulivi antichissimi, si raggiunge il passo dell’Annunziata con il santuario omonimo.  La giornata prosegue raggiungendo la spiaggia del Mingardo e facendo un bel bagno.

Ve 25: Spiaggia Arco Naturale e visita in barca
Raggiunta Malaspina a piedi, ci immettiamo di nuovo nella pineta di San Cono. Raggiungiamo Isca della Contessa, costeggiamo il fiume Mingardo e arriviamo alla foce e facciamo il bagno nelle acque della spiaggia Arco Naturale. Nel pomeriggio facciamo il giro del del promontorio di Palinuro in motobarca, con visita della grotta dei Porci e della grotta Tra terra e cielo. Al rientro facciaamo visita alle botteghe dei vasai.

Sa 26: fine Trasferimento a Marina di Camerota per una giornata al mare dove indugiare per il tempo a disposizione.

Inizio viaggio:

Sabato 19 agosto alla stazione di Pisciotta-Palinuro alle 16.30.
In caso di difficoltà a raggiungere Pisciotta il sabato, è possibile anticipare l'arrivo al giorno precedente accordando con la guida la possibilità di un pernottamento aggiuntivo.


Fine viaggio:

Sabato 26 agosto, la mattina a Marina di Camerota. Da qua si raggiunge agevolmente la stazione di Pisciotta-Palinuro con autobus in corrispondenza dei treni in partenza


Cammino:

Si tratta di un viaggio per facili sentieri e mulattiere senza particolari difficoltà tecniche.


Notti:

Rifugio Oasi Castaneto in camerata con letti a castello e bagni in comune. 


Pasti:

Pranzi al sacco, cene in ristoranti o presso l'azienda, collaborando alla gestione della casa.


Sapori tipici:

Pesce, latte e formaggi di capra dell'azienda, frutta e verdure (pomodori, olive, fichi, noci...), raccolte nell'orto e cucinate dall'ottimo cuoco Raffaele.


Difficoltà:

1+ su 4. Si tratta di un viaggio a base fissa, ospiti di un'azienda a 420m sul livello del mare. I dislivelli indicati sono da percorrere in discesa il mattino e in salita al rientro (a volte il rientro è in autobus). Il cammino è sempre lento e agevole e il caldo ed il sole pur presenti sono mitigati dal mare sempre pre-sente. I dislivelli di alcune giornate, tutte con zainetto giornaliero, possono risultare più impegnativi, perciò consigliamo prima del viaggio di allenarsi un po' ai dislivelli indicati.


Note:

Il percorso e gli alloggi possono subire modifiche, in base alle condizioni atmosferiche o alle ne­cessità del momento.

Quando i Saraceni sbarcarono ad Agropoli, portarono con sé un' unica donna che era figlia del loro capitano. Essi divennero subito i padroni assoluti di tutto il territorio circostante. Il comandante dell’orda non aspettò molto a far incoronare se stesso re e sua figlia regina di Agropoli. Questa donna era bellissima. Era singolare solo nel colore del volto, che era verde. Dopo averla vista a volto scoperto, i pescatori del luogo ed i contadini la chiamarono “la Regina verde”. La donna rispondeva a tutti i corteggiatori con un netto rifiuto. Niente riusciva a far apparire sul suo volto un solo sorriso. Un giorno, però, mentre costeggiava il mare lungo Trentova ,vide un giovane pescatore che a forza di braccia traeva a riva la sua rete piena di pesci. La Regina verde, incuriosita,si avvicinò al pescatore. Dopo aver dato un furtivo sguardo alla pesca, la regina si pose di nuovo a cavallo e ritornò al castello. Il suo rango non le permetteva di dare confidenza a un saraceno umile marinaio.
All’alba del giorno seguente,la giovane si recò di nuovo a Trentova in groppa al suo cavallo e qui rivide il bel pescatore al quale chiese il nome. Da quel giorno tra i due nacque l’amore e il tempo trascorreva tra corse a cavallo e romantiche passeggiate lungo la riva del mare. I ntanto l’incarnato della fanciulla diventava roseo.
Giunse l’inverno e la regina raggiungeva la capanna del pescatore aspettandolo accanto al fuoco acceso. Un brutto giorno il giovane non tornò:una tempesta lo aveva ucciso . Disperata,la fanciulla attese il suo amato per tre giorni e tre notti, quando capì che non sarebbe più ritornato rientrò al castello e si gettò dalla rupe per raggiungere il suo amore. Il
Il dio del mare ebbe pietà di lei e la tramutò in una ninfa che, da quello che narrano i pescatori, ancora oggi vive in una grotta sotto il promontorio. Quando il mare è in tempesta i gemiti della regina, disperata per la morte del suo giovane marinaio, risuonano nella grotta e riempiono di pietà i pescatori.

Quota:€ 210 da versare all'associazione (per segreteria, organizzazione, guida).

Spese previste: € 340. Da portare con sé per mangiare, dormire, barca, bus. Sono calcolate accuratamente, tuttavia suscettibili di piccole variazioni in più o meno legate a variazione prezzi ed al comportamento del gruppo.

Info prenotazione

Nonostante la bellezza del viaggio non sei ancora convinto? Ti servono ulteriori info per prenotare? Nessun problema!
Invia la tua richiesta attraverso questo modulo.


Nome *

Cognome *

Email *

Note

I dati forniti saranno utilizzati esclusivamente per l'uso richiesto dall'utente, e secondo le leggi in vigore, non saranno ceduti a terzi. Premendo "Autorizzo", l'utente garantisce la veridicità dei dati forniti e presta il proprio consenso all'uso dei dati sopra raccolti come indicato. Dichiara inoltre di aver preso visione delle informazioni che seguono:i responsabili del sito dichiarano che, in conformità con l'art. 13 Legge 196/2003, i dati vengono raccolti al fine di fornire le informazioni richieste; l'utente gode dei diritti di cui all'art. 13 Legge 196/2003

Autorizzo

Codice di controllo captcha

Info prenotazione