Tra corti e vigneti

Le colline della Valpolicella

Veneto
Da gio 14 nov 2024 a dom 17 nov 2024
Codice viaggio [79]

"Il paradiso è sotto i nostri piedi e sopra le nostre teste."
Henry David Thoreau

Dettagli del viaggio

Durata

4 gg

Difficoltà

    Difficoltà Livello 6

Info

    Pensione Senza zaino Base fissa

Quota di partecipazione: € 200, da versare all'associazione (per segreteria, organizzazione, guida).
Spese previste: € 250, da portare con sé per mangiare e dormire. Sono calcolate accuratamente, tuttavia suscettibili di piccoli cambiamenti in più o meno legati a variazioni di prezzi e al comportamento del gruppo.

Chi arriva con i mezzi pubblici versa 5 euro al giorno a chi effettua il trasporto giornaliero per raggiungere il punto di inizio dell'escursione.  

Il viaggio

I percorsi proposti per questo viaggio in Valpolicella sono lontani dalle piste battute dai turisti e ci portano a scoprire luoghi e angoli nascosti di questo territorio. Sin dall'epoca romana la Valpolicella era luogo di cantine e vigneti, l'etimologia del nome riporta alle parole latine e greche: Vallis Polis Cellae, ovvero valle dalle molte celle. Non ci sono dubbi che i pendii delle colline siano da sempre stati coltivati a vite, ma non c'è solo questo aspetto. La Valpolicella ci aspetta con la sua storia, la sua natura e la sua rete di sentieri e strade.

Scopri di più

Gi 14: Verona
Partenza da Verona verso la struttura a Valpolicella. Sistemazione, aperitivo di benvenuto con riunione e presentazione del viaggio. Breve passeggiata nel borgo, lungo i vigneti, cena e pernottamento.

Ve 15: Ponte di Veja - S. Anna di Alfaedo
15 km - 6 h - [+/- 300]
Dopo la colazione ci si sposta di qualche chilometro in auto per raggiungere il punto di partenza dell’escursione del giorno che dal ponte naturale più grande d’Europa, il Ponte di Veja, ci porta a S. Anna di Alfaedo e rientro, lungo sentieri percorsi già ai tempi dell’Homo di Neardenthal. Pranzo al sacco con prodotti locali. Rientro dall’escursioine verso metà pomeriggio.

Sa 16: Cave di Prun 
15 km - 6 h -  [+/- 400]
Oggi si parte per andare ad esplorare le Cave di Prun, dove un tempo venivano estratti i lastroni di “pietra rossa” che ancora oggi si utilizzano come risorsa primaria per la costruzione di strade e edifici. Durante l’escursione si attraversano aziende vitivinicole, vigne, pascoli abbandonati e si cammina lungo stradelle bianche, sentieri o stradine asfaltate percorse da mezzi agricoli. Pranzo al sacco o, su richiesta, presso una cantina con piccola degustazione vini.

Do 17: Pieve di San Giorgio
15 km - 4 h - [+/-450]
Si parte alla scoperta della Pieve di San Giorgio, detta anche “ inganna il poltron”, una pieve romanica ancora oggi ricca di sorprese archeologiche. Si lascia la macchina a Maruzzega di Valpolicella e si percorrono i 10 km ad anello, che conducono alla sommità del colle dove si trova questa antica pieve. Il percorso si svolge tra boschi e vigneti, in tipico ambiente basso-lessinico. Al termine dell’escursione, verso tardo pomeriggio, ci si saluta.

Inizio viaggio:

giovedì 14 a Verona ore 14:00 alla stazione dei treni, da qui ci si muove con le auto verso Valpolicella.

Durante questo viaggio sono previsti spostamenti in auto, si utilizzano le auto a disposizione della guida e dei partecipanti.

 

 


Fine viaggio:

domenica 17 a Verona alle 14:00.

 


Cammino:

stradelle asfaltate, strade bianche, sentieri ben tracciatti.


Notti:

b&b.


Pasti:

colazione in struttura, pranzo al sacco, cena in locali nei dintorni.


Sapori tipici:

polenta, risotto all'Amarone e alla Tastasal, sfogliatelle, pasta coi fasoi, gnocchi di patate e tanto altro ovviamente accompagnati da un buon Valpolicella.


Difficoltà:

2+ su 4. Si tratta di un viaggio a base fissa.


Note:

il percorso e gli alloggi possono subire modifiche in base alle condizioni atmosferiche o alle necessità del momento.

del popolo di origine etrusca che si era stanziato nel "pagus arusnatium" e che i Romani hanno chiamato Arusnati, è rimasto poco. Vi sono ancora alcune deboli tracce in certi punti ben definiti del territorio che oggi viene chiamato Valpolicella. Alcune di queste tracce, insieme alle tracce lasciate dall'homo di Neanderthal, sarà il filo conduttore di questo nostro cammino.

Quota di partecipazione: € 200, da versare all'associazione (per segreteria, organizzazione, guida).
Spese previste: € 250, da portare con sé per mangiare e dormire. Sono calcolate accuratamente, tuttavia suscettibili di piccoli cambiamenti in più o meno legati a variazioni di prezzi e al comportamento del gruppo.

Chi arriva con i mezzi pubblici versa 5 euro al giorno a chi effettua il trasporto giornaliero per raggiungere il punto di inizio dell'escursione.