[73] Date viaggio: 08 ott 2021 - 10 ott 2021

  • Base fissa

Tre giorni con Dante

La Divina Commedia nel Casentino

Proprio al centro dell’Italia la valle superiore dell’Arno forma un paese a parte, il Casentino, il quale, nel corso dei secoli ha condotto un’esistenza propria, simile a un’isola in mezzo all’oceano.

Paul Sabatier, 1893

Dante trascorre ramingo parte del suo esilio in Casentino come ospite di vari Conti. Il legame del Sommo Poeta con questo territorio si respira tra le pievi, i borghi e le colline. In questo viaggio non ci si immerge solo in una delle opere letterarie più importanti della storia umana ma in un territorio dal fascino antico, rispettoso delle tradizioni e della cultura storica.

Ve 8: Subbiano-Borgo alla Collina-Subbiano
Si prende il treno fino a Stia (45 minuti) e ci si incammina sulle colline fino al Castello di Porciano. Dante fu qui ospite dei Conti Guidi nel corso del suo esilio da Firenze e vi scrisse, tra il 1310 e il 1311, le tre famose lettere “Ai Principi e Popoli d’Italia”, “Ai Fiorentini”, “Ad Arrigo VII”. Dal Castello la vista spazia su tutto il Casentino e le catene montuose che lo delimitano. Si seguono poi strade secondarie e sentieri fino a arrivare al Castello di Romena, una delle più maestose fortezze dei Conti Guidi. Dante ce ne parla nella Divina Commedia a proposito del falsificatore di moneta Maestro Adamo(Inferno, canto XXX). Si continua poi attraverso un paesaggio agreste facendo tappa alla splendida Pieve di Romena, una delle chiese romaniche di maggior interesse in Toscana. L'escursione termina a Borgo alla Collina dove si prende un bus che porta a Ponte a Poppi e da li il treno per far ritorno a Subbiano.

Sa 10: Subbiano-Castel San Nicolò-Subbiano
Si prende il treno fino a Poppi (30 minuti) e subito il bus navetta che porta in pochi minuti al borgo medievale. Nel Castello di Poppi Dante fu ospitato nel 1310, per un anno, dal Conte Guido Simone da Battifolle e qui sembra che abbia composto il XXXIII Canto dell'Inferno. Dal Castello si domina tutta la vallata e la sottostante Piana di Campaldino dove l'11 giugno 1289 si combattè la famosa battaglia tra l’esercito guelfo di Firenze e le milizie aretine a cui Dante, in giovane età, partecipò. Vari episodi della battaglia sono riportati nella Divina Commedia; nel V Canto del Purgatorio si racconta di Buonconte da Montefeltro il cui corpo viene trascinato in Arno a seguito di un temporale notturno.Dal centro storico ci muoviamo nelle colline attraversando un paesaggio antico fatto di boschi e campi, dove sono immersi piccoli borghi e antiche chiese. Seguendo sentieri e stradine di campagna raggiungiamo Castel San Niccolò, dove spicca l’imponente maniero medievale. Qui prendiamo un bus per tornare a Poppi e poi prendere il treno per Subbiano.

Do 11: Subbiano-Giovi-Subbiano                          
14km - [+/-550 m]
Si prende il treno fino a Giovi e da qui si seguono stradine di campagna e sentieri che costeggiano l'Arno. Il Canto XIV del Purgatorio ci parla dell’Arno come quel “fiumicel che nasce in Falterona, e cento miglia di corso nol sazia ". Nel tratto fra Subbiano e Giovi il fiume fa un'ampia curva, evita la piana di Arezzo e si dirige verso Firenze. Dante prende spunto da questo per affermare, sempre nel Canto XIV del Purgatorio, che "l'Arno torce il muso agli aretini". Si lascia poi il fiume per affrontare le colline che fanno da porta al Casentino, camminando in un tipico paesaggio agreste fatto di oliveti e vigneti. Lungo il cammino si incontrano borghi medievali e case coloniche dall'architettura elegante. Scendendo poi dalle colline si raggiunge Subbiano

Inizio viaggio:

venerdì 8 a Subbiano, facilmente raggiungibile sia con la macchina che con il treno.


Fine viaggio:

domenica 10 a Subbiano.


Cammino:

si sviluppa principalmente su strade vicinali e sentieri. 


Notti:

in albergo diffuso 3 stelle


Pasti:

pranzi al sacco, colazioni e cene nella struttura che ci ospita.


Sapori tipici:

polenta dolce, crostoni di cavolo nero, tordelli di patate, lattaiolo, minestra di pane.


Difficoltà:

2 su 4. Si tratta di un viaggio a base fissa con dislivelli moderati.


Note:

il percorso e gli alloggi possono subire modifiche, in base alle condizioni atmosferiche o alle necessità del momento.

A tutti è capitato nella vita di sentir parlare di Dante Alighieri e della Divina Commedia. Nel corso degli studi,prima o poi, ci si deve confrontare con questa figura illuminata e con le opere che ha prodotto. Ciò che si apprende poi rimane nella propria sfera culturale insieme a tutto il resto. Chi è nato e abita in Casentino, come il sottoscritto, ha un rapporto speciale con Dante in quanto il suo nome riecheggia ovunque nella vallata e molti luoghi ed eventi citati nella Divina Commedia sono legati, nel tempo e nello spazio, al territorio stesso. Dante è parte del Casentino e il Casentino è stato parte di Dante. Lo si può immaginare in cammino lungo i sentieri e le stradine di campagna oppure al chiuso nelle stanze di un castello assorto nelle sue riflessioni. Seguire le sue tracce e rivivere le sue gesta sono i motivi trainanti che hanno dato vita a questo viaggio.

Quota: € 110 da versare all'associazione per segreteria, organizzazione, guida.
Spese previste: € 150. Da portare con sé per mangiare, dormire, trasporti. Sono calcolate accuratamente, tuttavia suscettibili di piccole variazioni in più o meno legate a variazione prezzi ed al comportamento del gruppo.

Info prenotazione

Nonostante la bellezza del viaggio non sei ancora convinto? Ti servono ulteriori info per prenotare? Nessun problema!
Invia la tua richiesta attraverso questo modulo.


Nome *

Cognome *

Email *

Note

I dati forniti saranno utilizzati esclusivamente per l'uso richiesto dall'utente, e secondo le leggi in vigore, non saranno ceduti a terzi. Premendo "Autorizzo", l'utente garantisce la veridicità dei dati forniti e presta il proprio consenso all'uso dei dati sopra raccolti come indicato. Dichiara inoltre di aver preso visione delle informazioni che seguono:i responsabili del sito dichiarano che, in conformità con l'art. 13 Legge 196/2003, i dati vengono raccolti al fine di fornire le informazioni richieste; l'utente gode dei diritti di cui all'art. 13 Legge 196/2003

Autorizzo

Codice di controllo captcha

Info prenotazione