[30] Date viaggio: 08 giu 2021 - 12 giu 2021

Il Silenzio dei Sibillini

Il Parco Nazionale dei Monti Sibillini

"E che pensieri immensi,
che dolci sogni mi ispirò la vista
di quel lontano mar, quei monti azzurri,
che di qua scopro, e che varcare un giorno
io mi pensava, arcani mondi, arcana
felicità fingendo al viver mio! "

Giacomo Leopardi ne Le Ricordanze.

Il Parco Nazionale, sul confine di due regioni, Umbria e Marche, è senza dubbio un patrimonio unico di biodiversità e storia. Le alte vette, la ricca fauna, i profumi della fioritura e l’abbondante flora rendono il paesaggio pieno di colori e suoni che abbracciano l’escursionista.

Ma 8: Camerino - Fiastra
22,40 km - 7,30 h - [+1070/-1000]
Il primo giorno di cammino inizia con l'ingresso nel Parco Nazionale dei Sibillini, usciamo dal centro di Camerino per scendere subito di quota e poi risalire e ridiscendere direttamente a Fiastra. Questi saliscendi, alcuni anche impegnativi, dati dal profilo orografico di questi luoghi saranno caratteristica di tutte le tappe. Il Lago di Polverina ed il piccolo borgo ci parlano ancora di una quasi normalòità. E' l'attraversamento del piccolo paese di Colli, dopo il sentiero dei castagni, ad aprirci gli occhi sulla "nuova" condizione di questo territorio. Il paesaggio mostra la natura, la sua bellezza ed il suo modificarsi. L'arrivo a Fiastra si svilupperà su una sterrata in continua discesa, davanti lo scenario dei Sibillini in cui facciamo ingresso. Un rifugio alla fine della tappa ci accoglie e ci da ristoro.

Me 9: Fiastra - Ussita
21,20 km - 8,00 h - [+1000/-1100]
La bellezza della natura prende il sopravvento in questa tappa. Una discreta salita ci porta subito in quota, la vista sul lago di fiastra ci rinfranca. Il percorso prosegue per sterrate, sentieri di crinale, viste su Camerino e le Marche collinari, lo spazio è aperto ovunque. Non toccando nessun centro abitato ci dimantichiamo un pò del motivo solidale che ci porta a camminare in queste terre. Il santuario di Macereto ci accoglie per una pausa. Un sentiero nella natura fuori traccia ci riporta alla discesa per Ussita.

Gi 10: Ussita - Campi di Norcia.
18,10 km - 7 h - [+1150/-1130]
Si rprende la traccia lasciata con una buona salita. A seguire un sentiero di costa nel verde ci porta sopra Visso. la discesa fino al paese ci da modo di comprendere ciò che incontriamo. Attraversiamo il paese in silenzio ci troviamo a percorrere un lungo sterrato, in leggera ma costante salita, sul fondo di due rilievi, cosi da arrivare alla Forcella dove lasciamo la vista del Monte Bove per ammirare in fondo alla valle ed oltre le cinme, il Vettoreedi il Redentore. Una sterrata in buona discesa ci porta a Campi di Norcia, dove sostiamo per mangiare ed attender l'autobus per Norcia. Dal capolinea all'ostello, il viaggio è breve.

Ve 11: Norcia - Castelluccio di Norcia.
15,5 km - 6 h - [+1170/-370]
Sono due le cose che tolgono il fiato in questa tappa: la salita di 1000 mt che su antichi sentieri porta da Norcia alla vista della piana di Castelluccio che ovviamente è la seconda cosa che toglie il fiato! L'attraversamento della valle, anche fuori la stagione dei colori, è uno spettacolo molto bello. L'arrivo a Castelluccio ed al rifugio concluderanno la tappa.

Sa 12: Forca di Presta - Castelluccio - Rifugio Perugia.

9,50 km - 3 h - [+120/-690]

Un trasbordo ci riporta sopra la piana di Castelluccio e Forca di Presta. Finisce in tranquillità questo viaggio, un sentiero che "esce" dai Sibillini con splendide vedute sul Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio, e Molise e le sue splendide montagne. Arrivo al Rifugio Perugia. Un trasbordo veloce ci fa tornare a Norcia per prendere il pullman per Spoleto. Di li un treno per Foligno-Fabriano dove è iniziato il viaggio.

 

 

 

 

Inizio viaggio:

Martedì 8, appuntamento alla stazione di Fabriano ore 8,45 (per chi viene in treno o auto e alloggia a Fabriano la notte prima).

9,15 pulmann per Camerino con cambio a Castel Raimondo.

10,40 arrivo a Camerino, Via le Mosse stazione/deposito Cotram


Fine viaggio:

Sabato 12 a Norcia.


Cammino:

Sentieri con discreti dislivelli e di discreto chilometraggio che attraversano il panorama carsico-alluvionale. Attraversiamo antichi borghi, campi di grano, siti medioevali e salite fino alle vette.


Notti:

La prima notte in un ostello, stile salesiano, la seconda e la terza notte in agriturismo.


Pasti:

pranzo al sacco, cena in struttura.


Sapori tipici:

i prodotti tipici dal gusto antico quali tartufo, formaggi, lenticchie di Castelluccio di Norcia IGP.


Difficoltà:

2+ su 4 con la presenza di dislivelli e tragitti dal lungo chilometraggio.


Note:

Il percorso e gli alloggi possono subire modifiche, in base alle condizioni atmosferiche o alle necessità del momento.

Quota di partecipazione: € 175 da versare all'associazione (per segreteria, organizzazione, guida).
Spese previste: € 260, da portare con sé per mangiare e dormire. Sono calcolate accuratamente, tuttavia suscettibili di piccole variazioni in più o meno legate a variazione prezzi e al comportamento del gruppo.

Info prenotazione

Nonostante la bellezza del viaggio non sei ancora convinto? Ti servono ulteriori info per prenotare? Nessun problema!
Invia la tua richiesta attraverso questo modulo.


Nome *

Cognome *

Email *

Note

I dati forniti saranno utilizzati esclusivamente per l'uso richiesto dall'utente, e secondo le leggi in vigore, non saranno ceduti a terzi. Premendo "Autorizzo", l'utente garantisce la veridicità dei dati forniti e presta il proprio consenso all'uso dei dati sopra raccolti come indicato. Dichiara inoltre di aver preso visione delle informazioni che seguono:i responsabili del sito dichiarano che, in conformità con l'art. 13 Legge 196/2003, i dati vengono raccolti al fine di fornire le informazioni richieste; l'utente gode dei diritti di cui all'art. 13 Legge 196/2003

Autorizzo

Codice di controllo captcha

Info prenotazione