[43] Date viaggio: 12 lug 2021 - 18 lug 2021

I Boschi dei Nebrodi

Da Mistretta a Montalbano Elicona

“Siciliani semu, un populu chi canta in allegria; ‘nta lu sangu avemu la forza dill’antichi cavaleri, Nurmanni, Greci, Arabi e Spagnoli, chi sta Sicilia vosiru vantari…”.

Una traversata all’interno del Parco dei Nebrodi, area protetta dell’appennino siculo, sulle montagne più verdi della Sicilia, per godere degli effetti benefici degli alberi e degli specchi d’acqua. Da ospiti, camminiamo con consapevolezza all’interno di una natura incontaminata per imparare ad essere presenti con tutti i nostri sensi.

Lu 12: Arrivo a Catania e Trasferimento con navetta a Mistretta

Ma 13: Mistretta - Capizzi                                     
21km - [+/- 350m] - 5 h
Il percorso inizia da Serro Merio, a circa 5 chilometri da Mistretta. Appena imboccato il sentiero si raggiunge rapidamente il laghetto Urio Quattrocchi che ospita tartarughe, diversi uccelli, piccoli mammiferi e roditori. Dopo aver superato l’Urio si percorre la trazzera principale direzione di Case Pomiere, incontrando i sontuosi boschi di Medda e di Mascellino, ove esemplari maestosi di faggio svettano insieme a cerro e rovere. Continuando a camminare nella foresta si arriva in un bosco naturale di quasi 50 ettari, costituito da  tassi secolari. Continuando a salire si raggiunge, Portella Pomiere e Timpone Mirio. Poco prima dell’arrivo vi è una fontana in pietra e 500 metri oltre si arriva a  Portella dell’Obolo, posta tra Serra Pumeri ad ovest e Pizzo Fau ad est.

Me 14: Capizzi - Cesarò                                         
24km - [+/- 670m] - 6 h
Lasciata Portella dell’Obolo dopo circa 1 Km di cammino ci si immerge in un bosco costituito da esemplari di querce e faggi mentre il sottobosco è costituito da macchie di agrifoglio, pungitopo, rovo, biancospino e perastro. Si arriva poi, sempre immersi tra le secolari cerrete, alla Caserma Mafauda e successivamente a Portella Calcare e Monte Pelato da dove il panorama è uno dei più affascinanti, aprendosi sull’Etna e sulle cime dei rilievi dei monti Nebrodi e delle vicine Madonie. Il percorso si immerge poi in una maestosa faggeta e, sempre ad un’altitudine costante di circa 1400 metri, si arriva a Portella del Ceramese prima e a Portella Scarno. Da qui si prende il sentiero per raggiungere il Lago Ancipa, noto anche come lago Sartori, è un grande invaso artificiale nel territorio di Troina, Cerami e Cesarò, da cui origina il fiume Simeto. Lo specchio d’acqua è circondato da un bellissimo bosco misto che ne esalta la bellezza ed i panorami. Dopo aver attraversato la Fontana Mucciata, si arriva presso Portella Miraglia a circa 15 chilometri da Cesarò e da San Fratello.

Gi 15: Cesarò - Floresta                                        
25km - [+/- 600m] - 7 h
Iniziando da Portella Femmina Morta si raggiunge Monte Soro (1847 m.s.l.m.), la cima più elevata del complesso montuoso dei Nebrodi. Continuando a camminare ci si dirige verso il Lago Maulazzo invaso artificiale di 5 ettari. Poco il sentiero degli agrifogli si trova il lago Spartà. Dopo  2 km, si arriva al bivio Passo Taverna e dopo ulteriori 2 Km al Lago Biviere con una superficie di circa 18 ettari, il più ampio bacino lacustre dell’area dei Nebrodi, dove si possono ammirare diversi esemplari di uccelli acquatici e migratori. Superato il biviere di Cesarò si entra nel fittissimo Bosco di Mangalaviti, costituito da imponenti faggete ad alto fusto di grande valore naturalistico e paesaggistico. Dopo otto chilometri circa si arriva a Portella Dagara, da cui è possibile raggiungere due bellissimi specchi d’acqua: lago Cartolari e lago Trearie. Riprendendo la dorsale, si cammina tra pascoli e vallate, poco oltre si raggiunge l’ennesimo specchio d’acqua, il lago Pisciotto, ai piedi del monte del Moro, che presenta una ricchissima vegetazione igrofila e come gli altri laghi, bellissimi uccelli stanziali e migratori, oltre ad anfibi e svariate specie di artropodi. Più a valle inizia la strada che conduce a Portella Mitta 1244 m. s.l.m. nel territorio di Floresta.

Ve 16: Floresta - Montalbano Elicona                
18,3km - [+/- 550m] - 6 h
La vita di Floresta è sempre stata legata al bosco, la floresta, dalla quale i romani traevano il legname per le flotte che solcavano il Mediterraneo. Una volta sfaldatosi il controllo dell’Impero, gli schiavi e i detenuti rimasero in queste contrade e popolarono il borgo più alto di Sicilia(1275m/slm), divenuto marchesato feudale nel 1619 e comune dal 1820. Uscendo dall’abitato di Floresta lungo la statale per Randazzo, si percorre un lungo tratto al cospetto delle grandi pale eoliche, fino a transitare ai piedi del Monte Polverello. Qui, sempre in discesa si tocca la cima del Monti Taffuri e si prosegue fino al Torrente Elicona, per poi raggiungere l’abitato di Montalbano Elicona dopo una breve salita lungo un’antica strada in pietra.

Sa 17: Montalbano Elicona: Bosco di Malabotta e Rocche dell'Argimusco                                          
18km - [+/- 250m] - 5 h
Il percorso inizia a 7 km dal paese di Montalbano Elicona presso l’altopiano delle Rocche dell’Argimusco, sito di interesse preistorico dove sono presenti rocce zoomorfe e antropomorfe scolpite dagli agenti atmosferici. La presenza dell’uomo sin dal neolitico è testimoniata da strutture di chiara fattura antropica (vasca rettangolare, palmento pentagonale e tomba a grotticella) e dal ritrovamento di punte di selce e di ossidiana. Proseguendo lungo il percorso, dopo circa 2 km si raggiunge l’ingresso della Riserva Naturale del Bosco di Malabotta, bosco secolare di altissimo valore ecologico per la notevole biodiversità, caratterizzato dalla presenza di faggi, cerri, aceri e frassini. Percorrendo un sentiero ad anello di 10 km raggiungeremo l’area dei Patriarchi, roverelle ultracentenarie con fusti di oltre 2 metri di diamentro e alti oltre 20 metri. La fauna è rappresentata da: volpi, cinghiali, lepri, martore, roditori, poiane, sparvieri e l’aquila reale che nidifica lungo le catene montuose dei nebrodi.

Do 18: Trasferimento in navetta da Montalbano Elicona a Catania

Inizio viaggio:

Lunedì 12, arrivo a Catania. Trasferimento a Mistretta con navetta.


Fine viaggio:

Domenica 18 a Montalbano Elicona. Da qui partirà la navetta per tornare all'aereoporto di Catania.


Cammino:

Il cammino è itinerante con zaino in spalla di media difficoltà e si sviluppa prevalentemente all’interno di boschi.


Notti:

È previsto il pernottamento in B&B per tre notti e due notti in tenda.


Pasti:

pranzi al sacco, alcune colazioni al sacco, le altre colazioni nella strutture che ci ospitano. Anche alcune cene sono al sacco, le altre in ristoranti e trattorie tipiche.


Sapori tipici:

miele, nocciola, frutti di bosco, pane di grano duro, pasta di mandorle.


Difficoltà:

2 su 4. Si tratta di un viaggio itinerante, con lo zaino sulle spalle.


Note:

il percorso e gli alloggi possono subire modifiche, in base alle condizioni atmosferiche o alle necessità del momento.

Gli arabi definirono i Nebrodi “un’isola nell’Isola”.

Se vi capiterà di passeggiare tra i suoi sentieri e i suoi boschi, ammirandone la sua bellezza naturale, vi domanderete se siete in Sicilia o altrove.

La natura protetta dei Nebrodi si contrasta con la tipica immagine naturalistica Siciliana arida e secca, ed è questo il segreto della bellezza del parco. Le fitte foreste, gli alberi maestosi e la temperatura più bassa del solito, creano una paesaggistica in netto contrasto con quella famosa dell’Isola. Paradiso di boschi, l’ente Parco Naturale dei Nebrodi venne istituito il 4 agosto del 1993 ed è il parco più grande dell’Isola.

Quota: € 245 da versare all'associazione (per segreteria, organizzazione, guida).
Spese previste: € 280. Da portare con sé per mangiare e dormire. Sono calcolate accuratamente, tuttavia suscettibili di piccole variazioni in più o meno legate a variazione prezzi ed al comportamento del gruppo.

Info prenotazione

Nonostante la bellezza del viaggio non sei ancora convinto? Ti servono ulteriori info per prenotare? Nessun problema!
Invia la tua richiesta attraverso questo modulo.


Nome *

Cognome *

Email *

Note

I dati forniti saranno utilizzati esclusivamente per l'uso richiesto dall'utente, e secondo le leggi in vigore, non saranno ceduti a terzi. Premendo "Autorizzo", l'utente garantisce la veridicità dei dati forniti e presta il proprio consenso all'uso dei dati sopra raccolti come indicato. Dichiara inoltre di aver preso visione delle informazioni che seguono:i responsabili del sito dichiarano che, in conformità con l'art. 13 Legge 196/2003, i dati vengono raccolti al fine di fornire le informazioni richieste; l'utente gode dei diritti di cui all'art. 13 Legge 196/2003

Autorizzo

Codice di controllo captcha

Info prenotazione