[52] Date viaggio: 20 set 2019 - 22 set 2019

Sentieri in un Caleidoscopio di Colori

Parco Naturale Alpi Marittime

La natura non è un posto da visitare. E casa nostra.
Gary Snyder

Nel cuore del parco naturale delle Alpi Marittime si sviluppa, al confine con la vicina Francia, un affascinante percorso alla scoperta dei luoghi più suggestivi della valle Gesso e della regione Piemonte. Spettacolari sentieri tra i larici, e mulattiere dal perfetto fondo in pietra, si inoltrano nella valle tra pittoreschi laghi glaciali e fresche cascate. In una cornice alpina notevole, al cospetto dei giganti in pietra circostanti, si impone nella piana del Valasco la Casa Reale di Caccia dei Savoia. Rotabili, mulattiere e baraccamenti militari del XIX secolo, riutilizzati per il secondo conflitto mondiale, ricordano il comune destino delle montagne contese sul confine naturale delle Alpi. Un itinerario dai paesaggi alpini incredibili, su magnifici e ordinati lastricati in pietra pernottando in accoglienti rifugi.

Ve 20: I laghi di Valscura
12 km - 5h - [+950]
Da Terme di Valdieri, sede di un noto stabilimento termale, si prende l’ex strada militare riattata durante la costruzione del Vallo Alpino verso il vallone del Valasco. In una splendida ambientazione alpina, un sentiero tra boschi di latifoglie e di conifere permette di raggiungere la piana del Valasco dominata dall’antica riserva di caccia di Vittorio Emanuele II, ora adattata a rifugio. Dalla piana una bellissima e ordinata carrareccia conduce, tra ruscelli, cascatelle e gallerie nella roccia, al lago di Valscura. Valscura fu sito strategico e sede di alcuni baraccamenti, sorti per ospitare le compagnie degli Alpini chiamati a difendere il confine della neonata Italia a fine Ottocento. Sotto le vette del Malinvern e del Claus si prosegue su una delle più belle e antiche mulattiere militari di tutto l’arco alpino costeggiando i laghi del Claus e delle Portette.

Sa 21: I laghi di Fremamorta
15 km – 7h - [+1000]
Dopo la colazione in rifugio si riprende il cammino. Si continua sul lastricato degli anni Venti fino ai laghi di Fremamorta. Si tratta di tre laghi in una cornice alpina davvero notevole tra le vette delle Alpi Marittime come la testa di Tablasses e cima di Bresses. Superati i tre laghi si discende nell’ampia “Piana della casa del Re” nei pressi del torrente Gesso della Valletta. Ci si ricongiunge ora con la strada ex militare del Vallo Alpino per andare a prendere il sentiero verso il rifugio. Una risalita a stretti tornanti tra ginepri e larici permette di inoltrarsi nel vallone dell’Assedras. Superato un avvallamento detritico, siamo arrivati al rifugio, situato su un caratteristico poggio roccioso.

Do 22: Terme di Valdieri
11 km - 4h30 - [+400]
Colazione in rifugio e partenza. Si affronta la porzione più aspra e selvaggia dell’intera escursione con un discreto dislivello iniziale e passaggi da buoni escursionisti. Con una pendenza tra i macereti davvero notevole si arriva al piccolo lago di Nasta in un paesaggio davvero impagabile. Si ridiscende ora per la via di salita oltrepassando il rifugio e si prosegue verso il fondovalle. Una comoda strada sterrata vicina al fiume permette di tornare agevolmente al luogo di partenza. Prima di prendere il pullman del ritorno, possiamo visitare lo splendido giardino botanico di Valdieri che ospita circa 500 specie distribuite in quattordici ambienti, rappresentativi dei principali ecosistemi delle Alpi Marittime.

Inizio viaggio:

venerdì 20 alla stazione dei treni di Cuneo ore 9,30.


Fine viaggio:

Domenica 22 alla stazione di Cuneo, nel pomeriggio in base a preferenze ed esigenze partecipanti.


Cammino:

si tratta di un viaggio itinerante su antiche mulattiere e sentieri, a volte comodi, a volte stretti e montani o su terreno sassoso, senza difficoltà tecniche e con dislivelli fino a, +/- 1000m.


Notti:

in rifugio alpini in camerate.


Pasti:

al sacco, colazioni e cene in rifugi alpini.


Sapori tipici:

fomaggi come Bra, Gorgonzola, Taleggio.
Ravioli, tagliatelle, risotti, verdure bollite, insaccati, torta di nocciole.


Difficoltà:

2 su 4. 2. Si tratta di un viaggio abbastanza agevole senza difficoltà tecniche. Tuttavia il dislivello può presentarsi impegnativo risalendo talvolta sentieri su ripidi pendii.


Note:

Il percorso e gli alloggi possono subire modifiche, in base alle condizioni atmosferiche o alle necessità del momento.

Quota: € 110 da versare all'associazione (per segreteria, organizzazione, guida).

Spese previste: € 180 per mangiare, dormire. Sono calcolate approssimativamente e suscettibili di variazioni in più o meno legate a variazione prezzi ed al comportamento del gruppo.

Info prenotazione

Nonostante la bellezza del viaggio non sei ancora convinto? Ti servono ulteriori info per prenotare? Nessun problema!
Invia la tua richiesta attraverso questo modulo.


Nome *

Cognome *

Email *

Note

I dati forniti saranno utilizzati esclusivamente per l'uso richiesto dall'utente, e secondo le leggi in vigore, non saranno ceduti a terzi. Premendo "Autorizzo", l'utente garantisce la veridicità dei dati forniti e presta il proprio consenso all'uso dei dati sopra raccolti come indicato. Dichiara inoltre di aver preso visione delle informazioni che seguono:i responsabili del sito dichiarano che, in conformità con l'art. 13 Legge 196/2003, i dati vengono raccolti al fine di fornire le informazioni richieste; l'utente gode dei diritti di cui all'art. 13 Legge 196/2003

Autorizzo

Codice di controllo captcha

Info prenotazione